Tag: Android

The Drums

11 October 2012, in Android, Musica

Circa un anno e mezzo fa pubblicai sul market Drum Loops. In questi mesi tante persone mi hanno chiesto nuovi brani e la possibilità di cambiare il tempo, ecco allora che in collaborazione con Giovanni Piemontese, un mio amico designer e batterista, ho pubblicato in questi giorni The Drums. The Drums offre un’ampia gamma di grooves per permettere ai musicisti di ogni età di improvvisare e provare le canzoni su un’affidabile e realistica base di batteria.

I grooves sono suddivisi in categorie, in modo da poter selezionare facilmente il genere e la velocità su cui ci si vuol eseguire il pezzo.
Grazie ad un’interfaccia curata ed intuitiva è possibile esplorare e scegliere tra le decine di samples disponibili, quest’ultimi in continuo aumento ed aggiornamento.

Il risultato è quindi un app utile e funzionale per qualsiasi musicista voglia entrar a far parte di questa nuova esperienza.

The Drums è disponibile in versione completamente gratuita sul market seguendo questo link:

Android Market: The Drums

Read More Leave a comment

FlowerLauncher: Alpha pubblica!

4 May 2012, in Android

Ho impiegato qualche giorno in più di quanto sperassi ma finalmente sono pronto a pubblicare una versione alpha di FlowerLauncher per tutti i lettori del mio blog. Per chi si fosse perso qualche pezzo, consiglio di dare un occhiata ai precedenti post:
La situazione dei Launcher su Android
Lavori in corso: FlowerLauncher

Cosa non funziona:

Supporto per i Widget: quelli che vedete sono finti, semplici immagini che mostrano un’esempio di disposizione. Al momento non è possibile aggiungerne.
Catalogazione automatica: entrati nel drawer, dovrete premere il tasto menu e successivamente trascinare le icone nelle loro categorie. Lo so fa schifo come sistema, ma ne sto progettando uno nuovo.
Impostazioni e personalizzazione: al momento si limitano alla possibilità di cambiare lo sfondo.
Cache: Al primo avvio del drawer potreste notare diversi secondi di lag, infatti al momento l’applicazione cerca e genera volta per volta l’intero elenco delle icone. Il problema sarà risolto introducendo una cache.
Slide dei desktop: il meccanismo di slide dei desktop non è reale, infatti non risponde in realtime allo slide ma aspetta che la gesture sia terminata per eseguire l’animazione.

Cosa vi consiglio di provare:

Il Flower: Nella schermata principale, premete la bolla centrale per aggiungere azioni al flower. Le azioni sono astrazioni sulla reale azione da intraprendere, vi consiglio quindi di aggiungere inizialmente telefono, messaggi, galleria, musica, camera e browser.

il Drawer: Catalogate tutte le applicazioni con i seguenti criteri:

Telefono: applicazioni che riguardano le funzionalità base di un cellulare come chiamate, messaggi, informazioni sul traffico disponibile...

Internet: applicazioni che riguardano la fruizione di contenuti presenti su internet come facebook, youtube, rss reader… 

Games: giochi o applicazioni di intrattenimento come angry birds, scratchcard, iBirra….

Media: applicazioni che permettono di riprodurre o registrare contenuti multimediali come galleria, fotocamera, fotoritocco…

Documenti: applicazioni da ufficio come PDFreader, OpenOffice, GoogleDocs,…

Utility: applicazioni che mettono a disposizione strumenti come calcolatrice, livella, calendario, torcia...

Settings: applicazioni che permettono di agire sul dispositivo ma non forniscono utilità di per se come impostazioni, temi, launcher, benchmark, taskmanager, tastiere

TaskManager: scorrendo lo schermo a destra è possibile visualizzare l’elenco delle applicazioni attive. Il singolo click permette di passare all’applicazione, la pressione prolungata la termina.

Ecco il link

Tanti (ma tanti) aspetti del programma devono essere definiti meglio, purtroppo creare un launcher da solo non è un lavoro banale ed è per questo che ho bisogno dei vostri commenti e perché no, di un po’ di supporto morale.

Ora basta chiacchiere ed ecco qui il link per il DOWNLOAD!

Read More 7 Comments

Lavori in corso

23 April 2012, in Android, Vita

Ho promesso a qualcuno di aggiornarvi sulle ultime novità…

Ci sarebbe molto da raccontare ma tranquilli non lo farò. Riassumendo potrei dire che ho sempre pensato alla felicità come qualcosa di non raggiungibile se non per brevi istanti. E invece ora sono felice, lo sono da un mese incessantemente. È tutto dannatamente perfetto.

In un post precedente avevo accennato al fatto di stare lavorando su un nuovo launcher per Android. Il progetto è concreto ed è stato oggetto della mia tesi di laurea. A proposito, mi sono laureato.

Potete farvi un’idea della struttura del launcher e dei principi su cui è basato dando un’occhiata alle slide usate durante la presentazione. Attualmente l’applicazione è in fase alpha, la utilizzo come launcher di default sul mio dispositivo ormai da più di un mese ma non è ancora pronta per un esordio commerciale. Il lavoro è molto, ci sono funzioni da introdurre, codice da ottimizzare e anche a livello grafico c’è molto da migliorare. Conto di pubblicare presto su questo blog una prima release per darvi un’anteprima di quello che è FlowerLauncher in modo da poter raccogliere qualche impressione e suggerimento.

A presto.

(continua a leggere…)

Read More 1 Comment

Gratta per vincere: il mio primo gioco Android sul Market

2 February 2012, in Android

Gratta per vincere è un gioco per Android che ho realizzato qualche mese fa. Come il nome lascia intuire, è un simulatore di gratta e vinci non c’è nessun complicato meccanismo da comprendere, nessuna strategia a cui pensare, basta grattare e scoprire se il biglietto virtuale è vincente, con i soldi accumulati poi è possibile acquistare dei bonus.

Ho cominciato a lavorarci su come un esercizio di programmazione, di certo non credevo che un giochino del genere avrebbe potuto interessare molta gente e invece ho dovuto ricredermi. Il motivo è che Gratta per vincere ha tutti gli elementi giusti tipici di un casual game, offre un gioco rapido con regole semplici e riesce a ricreare quella tensione tipica dei biglietti reali provocata dal non sapere fino all’ultima figura da grattare se si ha vinto o meno.

Il gioco è presente sul Market da agosto ed ha ottenuto un ottimo successo che mi ha spinto a mantenerne attivo lo sviluppo con l’introduzione di nuovi biglietti e features. È presente sia in versione gratuita sia a pagamento (senza ads).

Per scaricarla:

Link Versione Gratuita Android Market

Read More 1 Comment

La situazione dei Launcher su Android

28 January 2012, in Android

Android è un sistema modulare in cui ogni applicazione è sostituibile con un altra. Tutto dal gestore dei messaggi alla galleria è rimpiazzabile, inclusa la schermata principale, la cosiddetta Home. Go Launcher Ex, Adw Launcher, Launcher Pro, Launcher7, Espier Launcher…cos’hanno in comune tutte app oltre al termine “Launcher” nel nome?

Escludendo gli ultimi due che sono poco altro cloni malriusciti delle interfacce di Windows 7 Mobile e Ios, i launcher per Android si rifanno allo stesso modello desktop, a cambiare sono solo gli effetti di transizione tra le schermate e qualche feature avanzata come la possibilità di ridimensionare i widget o la velocità di scrolling del drawer.

In realtà Google non pone alcuna limitazione alle interfacce da usare come Home replacement¹, quindi non mi spiego il motivo di tale mancanza di fantasia. Ma torniamo al modello a desktop, perché dovrebbe essere un problema?
Il desktop è un concetto mutuato direttamente dai sistemi operativi per PC e si basa sull’idea di gestire il nostro monitor come una scrivania con sopra i nostri strumenti (icone e widget) e i nostri fogli di lavoro (le finestre). Se tutto questo ha senso su schermi che vanno dai 13″ ai 28″ il discorso potrebbe non mantenere  sui miseri 4″ medi di un dispositivo mobile.
Che senso ha una scrivania grande come una carta di credito dove ogni foglio copre interamente l’area a disposizione?

E’ quantomeno poco efficace. Un launcher vuoto è inutile, richiede uno sforzo iniziale di personalizzazione per adattarlo alle nostre esigenze ma non fornisce alcun meccanismo per guidarci nella costruzione di questo ambiente, cosi puntualmente ci ritroviamo con schermate invase da widget che in realtà sono spesso completamente inutili (ma appesantiscono le performance) e di icone di cui dimentichiamo l’esistenza e che torniamo a cercare puntualmente del drawer.
Il drawer, il menu principale è un idea tanto semplice quanto..stupida! Gestire tutte le applicazioni su unica griglia è una soluzione ottima quando si hanno solo una ventina di applicazioni, di solito però un utente android ne installa molte di più e un minimo di catalogazione o gerarchia² tra le applicazioni aiuterebbe tanto. Basterebbe cominciando a dividere i giochi dal resto delle applicazioni.

Ecco, questo è l’incipit della mia tesi di laurea. Il prodotto finale sarà una nuova app-Home per Android, che porti un nuovo modello basato sui principi di velocità, ergonomia e intuitività. Conoscere le vostre opinioni mi sarebbe davvero molto utile.

1 – Si sto deliberatamente evitando il termine launcher, dal momento che lo trovo poco corretto per la tipologia di software in oggetto.
2 – Symbian, pace all’anima sua
Read More 4 Comments

Come progetterei io uno smartphone

2 December 2011, in Android

Uno degli aspetti in cui secondo me IPhone è superiore agli attuali smartphone Android è la qualità della progettazione del telefono stesso. Centinaia di design diversi, tanti contraddistinti da dettagli lasciati al caso, materiali scadenti e pulsanti in posizioni semplicemente sbagliate. Ma piuttosto che elencarvi tutte queste bruttezze preferisco dirvi io come un cellulare, secondo me, andrebbe disegnato.

Lo chassis
La forma la farei semplice, cosa sono questi telefoni con un profilo che sembra il simbolo della Nike? cosa sono questi rigonfiamenti in corrispondenza di fotocamera e batteria? un blocco metallico sottile e rettangolare è un buon punto di partenza.
I lati dovrebbero essere piatti in modo che sia possibile lasciare il telefono appoggiato su un lato mentre ci si mette in posa per una foto con l’autoscatto.
Le dimensioni non dovrebbero superare quelle di un IPhone (che trovo già abbondanti).

Lo schermo
Non è importante che sia l’ultima tecnologia sul mercato, l’importante è che abbia una buona risoluzione (240dpi dovrebbero bastare) e colori fedeli. Cosa ci vantiamo di neri profondi se poi il bianco appare celestino?
Il bordo dovrebbe essere quanto più sottile e non dovrebbe essere visibile in modo che non si distingua la fine dello schermo (vedi Nokia Lumia 800 o Acer Liquid) è un effetto che da un look molto moderno e che neanche la Apple ha ancora adottato.

I pulsanti
Home-indietro-menu. Indietro-home-menu. Menu-indietro-home. Non è importante basta che si arrivi prima o poi ad un accordo, non è possibile che ogni terminale abbia una disposizione diversa. In alternativa diamoci ai tasti software (visualizzati direttamente sullo schermo come nel Galaxy Nexus) e risolviamo la questione una volta per tutte. Molti si ostinano ancora a mettere il tasto cerca, ma chi l’ha mai utilizzato?
Il tasto spegnimento/accensioneDisplay dovrebbe essere localizzato nella parte superiore del telefono, come fa la Nokia da tanti anni in modo che non si prema per sbaglio tenendolo in tasca.

Connettore USB
Il connettore dovrebbe essere di tipo mini-b, semplicemente perché è più diffuso ed è più facile ritrovarsene qualche cavo a casa.

Scheda microSD
Poterla inserire e disinserire senza staccare la batteria è sempre una bella comodità.

Modalità di Root
Credo sia giusto fornire i telefoni con la modalità root bloccata, ma la possibilità di sbloccarla dovrebbe essere data come un opzione direttamente nelle impostazioni e non tramite exploit e workaround vari.

Qualità musica (con le cuffie)
E’ un punto dolente di molti telefoni Android. Per me uno smartphone è  lettoremultimedialepiùcomputerpiùcellulare e non posso pensare che i bassi siano cosi poveri, che il volume sia cosi basso e che a volte la musica salti. La qualità audio è importante, capito?

Pochi modelli
Prendiamo l’Acer. In 2 anni ha prodotto Acer Liquid A100, Acer Liquid E, Acer Liquid Ferrari, Acer Liquid Metal, Acer Liquid Mini, Acer Liquid Espresso. Poca e a volte nessuna differenza di potenza tra i processori, fotocamere quasi identiche, estetica leggermente rielaborata (con l’eccezione del Metal). Che senso ha? Sembra fatto solo per svalutare il modello precedente. E stesso discorso vale per Samsung, non so quante versioni siano uscite del Galaxy. Andiamo invece alla Apple che ha distribuito quasi una versione di IPhone all’anno, con il risultato di una svalutazione minima tra i vari modelli e di un miglior concentramento degli sforzi in fase di progettazione. Quindi di modelli facciamone uno all’anno, al massimo due, uno in versione economica e l’altro top di gamma.

Sistema Operativo
Android, ovvio no? Microsoft non ha mai prodotto nulla di veramente user-friendly, pensate al tanto pubblicizzato a suo tempo Media Center o agli stessi telefoni Windows Mobile fino a 6.5. IOS + esclusiva Apple ed un telefono con sistema operativo proprietario oramai mi sembra davvero una roba giurassica (dico a voi NGM!). E non spendiamo una lira in applicazioni personalizzate, tanto verranno subito disinstallate, meglio fornire qualche installato qualche software di qualità (PowerAmp, LauncherPro, Go Launcher, ecc…)

Questo è il mio punto di vista, il punto di vista di un utente finale. Sarebbe magnifico se qualcuno seguisse solo la metà di questi consigli….

Read More 1 Comment

Drum Loops: una semplice drum machine per Android

27 July 2011, in Android, Musica

Drum Loops 2.2

Eccomi con una nuova applicazione per la piattaforma Android.

Questa volta si tratta di una drum machine, o meglio di una raccolta di patterns di batteria riprodotti ciclicamente. Un programma tanto semplice quanto, questa volta concedetemelo, utile. Io stesso utilizzo questo programma ormai tutti i giorni per strimpellare in casa con la mia fedele Squire (la Stratocaster è rimasta a Bologna). I patterns non sono molti ma ne verranno aggiunti altri in seguito, a proposito non essendo un batterista non ho la possibilità di creare nuovi pattern da aggiungere alla raccolta, se ne avete tempo e voglia potete crearne di nuovi con strumenti come ad esempio l’ottimo Hydrogen per Linux.  Sarei più che felice di aggiungere le vostre creazioni alla collezione.

Read More 2 Comments

Nuovo progetto: Clocksaver

20 June 2011, in Android

Fra un esame e l’altro in questi giorni ho perso qualche ora su un nuovo progetto. E’ una specie di screensaver che trasforma il telefono in un elegante soprammobile da 600€. Un orologio da tavolo fa comodo soprattutto se mostra l’ora anche al buio completo, certo avrei fatto prima a comprarmene uno per una decina d’euro ma non mi piaceva l’idea di mettere qualcos’altro sulla mia già disordinatissima scrivania…poi l’occhio mi è caduto sull’Acer Liquid che giaceva freddo affianco alla tastiera del PC col suo bel 3,7″. Insomma ho buttato giù qualche riga di codice e ho implementato qualche funzione che di solito gli orologi da scrivania non hanno ma che fa molto comodo su un telefono.

Ovviamente un obiettivo dell’applicazione è quello di consumare minor energia possibile, per fare ciò l’app imposta automaticamente la luminosità minima e c’è la possibilità di spegnere del tutto la retroilluminazione in modo che si attivi per pochi secondi quando lo schermo viene toccato. Nonostante i miei accorgimenti il consumo si mantiene su un 4% ad ora senza retroilluminazione e un 5,7% con retroilluminazione, un consumo non alto ma comunque evidente, per cui lasciandolo la notte carico, scollegato dall’alimentatore, la mattina la carica scende fino al 60%. Il problema (irrisolvibile) credo sia che lo schermo capacitivo che seppur a retroilluminazione spenta, resta attivo e consuma energia. Non ci dovrebbero essere invece problemi per quanto riguarda l’usura del display, la vita media di un LCD è di circa 50.000 ore, lasciandolo acceso 24/24h durerebbe comunque almeno 5 anni.

L’applicazione è ancora in via di sviluppo ma se vi va di provarla potete trovarla sul market a questo indirizzo:
https://market.android.com/search?q=clocksaver
Nel caso non mancate di inviarmi le vostre impressioni e suggerimenti!

Read More 2 Comments

Faenza per Android (ADW e Launcher Pro)

25 May 2011, in Android

Aggiornamento: Dopo due settimane come previsto ho reso il set gratuito. Ora è disponibile per tutti nell’Android Market :)

Ho rilasciato la mia prima app a pagamento per Android e sorpresa, non è un app. Si tratta di un set di icone per ADW e Launcher Pro prese dal famoso e amato set di icone Faenza :)

L’idea mi è venuta oggi vedendo che nessuno si era ancora occupato di portare questo splendido set su Android. Come tante altre volte, ho deciso di farlo da me ma una volta visto il risultato mi sono chiesto se non fosse il caso di pubblicarlo sull’Android Market. Ho deciso di metterlo a pagamento per provare come funzionano le vendite tramite l’android market, probabilmente più in là lo renderò gratis ma per adesso sono curioso di vedere come va.

Link Qui

Se lo provate ricordare di lasciare un feedback :)

Read More 5 Comments

Android degrada la qualità delle foto?

12 April 2011, in Android

Guardate queste due immagini alla risoluzione originale cliccandoci sopra. Sono due screenshot effettuati con PicMe che mostrano la stessa immagine visualizzata rispettivamente con la galleria di default di Android e con QuickPic.

Galleria di Android

Galleria di Android

La stessa immagine in QuickPicture

Non serve essere esperti fotografi per notare la qualità nettamente più scarsa della prima immagine e se credete che gli screenshot siano in qualche modo falsati provate personalmente. Pare che a partire da Froyo la profondità di colore delle immagini visualizzate nella galleria sia stata ridotta da 24 a 16bit per motivi legati all’introduzione del 3D  e il problema non è limitato solo all’uso stesso della galleria ma interessa anche tutte le operazioni compiute tramite questa, quindi ad esempio le immagini impostate come sfondo tramite la galleria appariranno poco brillanti e mal definite.

Se anche voi credete che un visualizzatore di immagini che non visualizza bene le immagini sia utile quanto un preservativo bucato allora ho qui per voi la soluzione, che è appunto QuickPic, una gallery alternativa con diverse funzioni utili (quale ad esempio quella di nascondere determinate cartelle) e con una velocità e qualità decisamente migliore. QuickPic sostituisce egregiamente in tutte le sue funzioni la gallery classica anche se offre presentazioni meno curate.

Galleria di Android

La stessa immagine in QuickPic

Se avete ancora qualche dubbio ecco un’altro esempio di come la gallery classica distrugge la qualità delle nostre immagini.

Magari per qualcuno sarà una piccolezza, io credo che invece Google dovrebbe fare più attenzione a questi particolari, che guarda un pò, sono gli stessi su cui invece Apple ha costruito la sua fortuna….

Read More Leave a comment