Smanettare su Ubuntu

25 January 2010, sezione Linux

Quello che mi piace di più della filosofia OpenSource è la possibilità completa di modificare e adattare i programmi ad ogni nostra esigenza e se apportare modifiche al codice e ricompilare programmi non sono cose da tutti, possiamo accontentarci sostituendo qualche immagine o cambiando qualche riga di testo giusto per personalizzare un pò il nostro sistema operativo, ecco qui una lista delle cartelle che contengono i file più interessanti per le nostre modifiche.

/home/ – E’ l’unica zona in cui potete scrivere senza dover prendere i permessi d’amministratore. Se premete ctrl + h vi appariranno delle cartelle nascoste, di solito ogni programma che installate va a creare una sua cartella nella vostra home, dove all’interno trovate configurazioni, cache e file non essenziali al funzionamento del programma ma non per questo poco importanti.
/home/utente/.icon/ – Qui ci sono i temi di icone che avete installato. E’ possibile installare un nuovo tema semplicemente copiando una cartella contenente il set di icone.
/home/utente/.config/ – Alcuni programmi come emesene memorizzano qui le loro configurazioni, invece di usare la home. Nel caso di emesene è qui che memorizza le conversazioni salvate, gli avatar vostri e dei vostri contatti, temi e altre cose interessanti.
/home/utente/.wine/ – Wine usa delle cartelle per simulare gli hard disk e ricreare la struttura dei file di un sistema windows. Per qualsiasi modifica su programmi windows è qui che dovete fare riferimento.
/home/utente/.theme – Allo stesso modo delle icone qui ci sono salvati i temi di gnome.

/root/ – E’ la home dell’amministratore, consigliano di non metterci mano. Io lo faccio spesso, ad esempio potete collegare la vostra cartella theme/icon a quella che trovate in questa cartella per fare in modo che quando usate programmi come synaptics che richiedono i diritti d’amministratore questi usino lo stesso tema che usate per tutti gli altri programmi.

/usr/share/ – Qui ci sono gran parte dei file che permettono il funzionamento dei programmi installati. Ogni volta che volete personalizzare un programma ad esempio cambiando uno spashscreen o il set di icone è qui che dovete cercare.

/usr/lib/ – Qui come il nome fa intuire, ci sono librerie e file eseguibili, in genere non c’è molto d’interessante per quanto riguarda la personalizzazione.

/usr/bin/ – Quando premete [Alt + F2] e scrivete qualcosa, gnome cerca qui i file eseguibili. Se create uno script e volete avviarlo in questo modo, dovete inserire qui lo script o un collegamento ad esso.

/media/ – Qui ci sono le unità che avete montato hard disk, cd e memorie di massa.

Per quanto riguarda le altre cartelle contenute in / vi rimando all’ottima guida di etnablog ;)