GinLemon vs Google

29 April 2010, sezione Web

Qualche giorno fa mi è arrivata questa mail da parte di Google:

Ti scriviamo da Google per portare alla tua attenzione questa pagina:

http://www.ginlemonblog.com/come-farsi-fregare-su-ebay/

Una ricerca whois ha indicato che tu sei l’host per questa pagina.

Un utente ci ha contattati per comunicarci che il suo numero di carta di
credito è pubblicato su questa pagina. Speriamo che tu possa andare
incontro a questa persona restringendo l’accesso o rimuovendo questa
informazione dalla pagina in questione. Se decidi di rimuovere
completamente la pagina così da restituire un errore 404 tramite gli
header http, ti preghiamo di comunicarcelo così da permetterci di
rimuovere la pagina anche dall’indice di Google.

Appreziamo la tua collaborazione. Se avessi qualsiasi domanda non esitare
a contattarci.

Ovviamente il segnalatore è il nostro caro proprietario di carte di credito rubate Chiaruzzo Silvestro.
Ho prontamente risposto alla mail:
Salve
Sono il gestore della pagina
http://www.ginlemonblog.com/come-farsi-fregare-su-ebay/.
Il numero di carta di credito mi è stato segnalato da diverse persone
truffate, il proprietario vorrebbe che lo togliessi per continuare con
le sue truffe, perché molte persone proprio cercando il numero di
carta di credito arrivano al mio sito e scoprono la fregatura.
Mi sembra che il codice di carta di credito non faccia parte dei dati
sensibili, quindi non credo di star facendo nulla scorretto. Se non ci
sono complicazioni di cui altrimenti vi prego di mettermi al
corrente, vorrei mantenere questo numero in modo da permettere ad
altre persone di non cadere in queste truffe.Grazie

Non ho ricevuto nessuna risposta e oggi scopro che la pagina è stata rimossa dai risultati di ricerca di Google solo perché è Chiaruzzo stesso che mi contatta con fare da vero hacker vantandosi della sua strepitosa impresa!

[15:36:07] ops ma come mai il tuo blog non compare + sui risultati della ricerca di google?? ma ke peccato!!!! ed ora come fai a giocare al giustiziere telematico??
[15:37:46] si è già visto ki è il più forte
[15:37:57] alias io
[15:39:11] ricorda
[15:39:19] nn sei l’unico bravo a smanettare cn i pc

Adesso uno che dia in giro la sua carta d’identità e si nasconde dietro denuncia posteriore di 10 giorni dalla data della sua prima truffa abbia certi sfoghi non è una cosa strana e imprevista, che Google esamini la richiesta è una cosa giusta. Ma che si permettano di CENSURARMI senza nemmeno AVVISARMI prima NO!

La mia risposta è stata del tutto ignorata, ho provato ad inviare una mail all’assistenza e mi è stato recapitato un messaggio automatico che mi invitava ad usare l’apposito modulo.http://www.google.it/support/

Ma sorpresa, dall’apposito modulo inviare domande che non siano schedabili nelle 3 sole categorie disponibili, sono costretto ad usare il forum d’assistenza rinunciando ad ogni forma di chiarimento privato. Allora cara Google a che cazzo scrivi a fare “Se avessi qualsiasi domanda non esitare a contattarci.” ?

Questo è il problema di ogni forma di monopolio. Quello che è scomodo a Google viene nascosto al mondo intero senza nemmeno la possibilità di controbattere.

Non ho intenzione di cambiare alcuna pagina di questo sito per sottostare al volere di enti esterni anche se dovessi rimanere isolato dal mondo. Vi invito a diffondere tutto quello che riguardi questo truffatore nei vostri blog, siti e forum.
Il web siamo noi, Google non può oscurarci tutti.

Google VERGOGNA.

P.S. Caro Silvio adesso sei di nuovo raggiungibile.

AGGIORNAMENTO

Finalmente l’assistenza si è degnata di rispondermi. La riporto solo per dover di cronaca perché almeno a me, non dice niente di sensato.

Ti ringraziamo per la risposta. Come saprai Google aggrega i contenuti
presenti sul web, e anche se aggreghiamo questi contenuti, non
controlliamo ciò che viene pubblicato. Al tempo stesso però siamo
consapevoli dell’importanza di restringere l’accesso alle informazioni
private e dati sensibili come numeri di carta di credito, perciò
rimuoveremo la pagina segnalataci dall’indice di Google.

A cui ho risposto

Dietro il mio sito c’è il mio nome e cognome, la responsabilità di ciò che scrivo è MIA. Spero solo che vi rendiate conto di aver aiutato un malfattore.