Pensavate che 8 core fossero troppi?

2 June 2010, in Linux, Windows

Leggo che Intel ha presentato Knights Corner un microprocessore con ben 50 core! Ovviamente destinato al mercato dei supercomputer, mi chiedo come sarebbe averlo sul computer di casa…

Read More 1 Comment

Perché non installare Linux a vostra sorella

1 June 2010, in Linux

Linux è la soluzione:

Di ‘sta minchia. Ci sono delle vere stronzate anche nel sistema operativo del pinguino. Ne volete una? La password di root che un semplice utente non dovrebbe mai usare e che invece serve a tutto.

E’ ovvio che non debba essere permesso ad un utente di disinstallare kernel, i servizi di sistema ecc, ma che senso ha chiedere i permessi d’amministratore per installare pac-man o tetris? Perché se non ho la password d’amministratore non posso installare nuovo software anche se questo di per se non chiede permessi particolari? (continua a leggere…)

Read More 24 Comments


Il mio conky a vostra disposizione

31 May 2010, in Linux

Conky è un leggerissimo ma ampiamente configurabile programma che si occupa di mostraci statistiche e informazioni sul nostro PC: ora e data, kernel in uso, utilizzo di CPU e RAM, temperatura, velocità di download, ecc…insomma tutta quella roba che la gente normale non vorrebbe vedere nemmeno sotto tortura.

Purtroppo come dicevo prima è configurabile, troppo. Ho impiegato davvero tanto tempo per capire come funziona e per riuscire ad adattarlo alle mie esigenze. Finalmente ci sono riuscito e ho intenzione di condividere con voi il “capolavoro”.

La sidebar trasparente è integrata con Conky

Volete provarlo sul vostro desktop? Vi fornisco i file necessari e un piccolo howto tuttavia il risultato finale potrebbe apparire diversamente. Sul vostro PC potrebbero non funzionare alcuni sensori inoltre questo conky è configurato per adattarsi a monitor 1280×800 con gnome-panel disposto a destra e impostato a 36 pixel. Se volete fare una prova continuate a leggere. (continua a leggere…)

Read More 2 Comments

Emesene 2, a che punto siamo?

29 May 2010, in Linux, Windows

A nessuno interessa una trombetta tifosina?

Quando cominciai, diversi anni or sono, a utilizzare Mepis Linux una delle difficoltà più grandi dopo aver fatto funzionare il modem fu quella di cercare un client MSN decente. C’era poca scelta, emesene non esisteva o non era appunto decente, il top era un fetido Amsn (già allora sembrava brutto) ma mi consolava la promessa che da li a poco avrebbe visto la luce Amsn2. Che fine ha fatto? Ebbene è ancora in fase di sviluppo e sporadicamente se ne sente parlare ancora su blog e forum. Che  i suoi sviluppatori vogliano conquistare la classifica Vaporware?

Lascio Amsn2 ai posteri e mi dedico al decisamente più migliore assai Emesene che molto più concretamente si sta reincarnando nella sua versione duepuntozero. Vediamo subito come provarlo in pochi passaggi e senza dover installare nulla.

Installazione

Andiamo sul sito che ospita il codice e clicchiamo in alto a destra su Download Source, scegliamo uno dei due archivi (è indifferente), scarichiamolo e decomprimiamo tutto in una cartella sul desktop. Spostiamoci in questa cartella, snidiamo emesene.py clicchiamoci su con il tasto destro e da ProprietàPermessi marchiamo la casella Permetti esecuzione. Clicchiamo su emesene.py e scegliamo esegui.

Primo impatto: main window

Poco sembra essere cambiato, anzi sono evidenti problemi con il rendering dei nomi con formattazione Plus, c’è però anche una nota positiva: Emesene 2 supporta le Gif animate introdotte recentemente da Live Messenger. I cambiamenti più evidenti però sono nella schermata preferenze, tranquilli mi astengo dall’elencarvi le singole voci, ma una interessante è quella che consente di scegliere il protocollo: Emesene 2 consente di chattare anche con gli amici di Facebook! anche se non ho capito se è possibile farlo contemporaneamente :-/

Secondo impatto: conversation windows

Noo, anche il riflesso sotto gli avatar....!

Emesene 2 supporta dei temi anche per le conversazioni adesso. Davvero spettacoloso. I temi dovrebbero essere gli stessi di Adium, equivalente di pidgin per Mac da quanto so, quindi si potrà contare da subito su un’estesa scelta. Il trasferimento dei file non funge ma la speranza di tutti è che finalmente siano risolti i problemi di velocità, che al momento rendono impossibile trasferire file più grandi di qualche Kb via emesene. Inoltre niente sembra accennare al supporto webcam…

Conclusione

Funziona. O quasi. Le novità fanno sempre piacere e Emesene 2 ne ha abbastanza da far venire l’acquolina in bocca. Inoltre il suo sviluppo è attivo, la sensazione è che la versione stabile verrà rilasciata…prima o poi. Adium Amsn2…

Read More 1 Comment

Aborro!

28 May 2010, in Linux

Pensavo di essermene liberato una volta per sempre.

Ho notato che il mio Toshiba arrancava più del solito, li per li ho dato la colpa al caldo. Poi ho fatto CTRL+D e ho dato un occhiata a conky, processori entrambi al 100%. In questi casi c’è solo una cosa da fare, dare da terminale:

top

e cosa scopro??? (musica di Odissea nello spazio qui)

Il "MALE" è tornato!

Cosa ci fa IEXPLORER.EXE avviato da 40 ore (praticamente da prima di Xorg????) ? Beh ovviamente ce l’ho installato io su wine, mi serve per testare i siti con Internet Explorer 6 ((a questo proposito potete consultare quest’ottima guida per installarlo in pochi passi)) ma non mi aspettavo che riuscisse a impallare anche Linux…

Read More Leave a comment

Veloce chrome il vento

24 May 2010, in Linux, Windows


Questa voce o sezione di informatica è ritenuta non neutrale.

Motivo: le proprietà elencate hanno del miracoloso e poi non ci sono fonti


Per contribuire, partecipa alla discussione.

Quando fu annunciato Chrome, browser creato dalla stessa Google, storsi un po’ il naso. Google aveva (ed ha) una parte troppo grande del WWW, con un suo browser avrebbe potuto fare ancora di più il bello e il cattivo tempo e sappiamo quanto i monopoli siano pericolosi. E poi Firefox mi piaceva sia chiaro, non in senso di velocità, ma per quanto riguarda la filosofia e la posizione di grande nemico di IE.

Invece Chrome è arrivato, l’ho provato ed è stato amore a prima vista. Chrome è codice fresco al contrario di Firefox ed è stato scritto da subito introducendo nuove tecnologie e soprattutto dando un’occhio alle nuove esigenze. Secondo me è semplicemente migliore.

Dopo questa affermazione i 5 iscritti ai miei feed scenderanno probabilmente a 2 o 3, lasciatemi spiegare:

Chrome è più veloce

Chrome è vergognosamente veloce, o Alice mi ha improvvisamente aumentato la banda o da un’anno a questa parte navigare in internet è veramente un piacere. Ho dimenticato i tempi dell’icona che si trasforma in clessidra quando cambi tab, dello scroll scattoso, di quando scrivevo sulla chat di facebook e i caratteri mi apparivano in differita.

Chrome è più stabile

Qui parlo solo per esperienza personale. Chrome su Linux è ancora in versione Beta tuttavia le volte che mi è crashato le posso contare sulle dita di una mano, mentre in certi periodi Firefox mi rendeva impossibile usare dei siti perchè puntualmente ci crashava su ogni volta che li aprivo e allora mi toccava cambiare browser attendendo la release successiva.

Chrome è più intelligente

Guardate l’interfaccia di Chrome e quella di Firefox. Guardate il pulsante Stop/Ricarica unico su Chrome e inutilmente diviso in due su Firefox, guardate i tab distribuiti elegantemente in alto, la barra unica che svolge perfettamente il suo lavoro, la barra del progresso che si mostra solo quando ce n’è bisogno.Firefox è preistoria.

Chrome è più aderente agli standard

Chrome supporta i CSS fino alla versione 3 e HTML5 meglio e da prima di qualsiasi altro browser.

Chrome è meno estensibile ma…

Unico punto a vantaggio di Firefox sono i plugin ma anche Chrome ce ne ha e quando non ce ne ha quasi sempre il motivo è perché quella determinata funzione è già inclusa. parliamo di firebug? Evidentemente non avete visto gli strumenti per sviluppatori di Chrome. Parliamo di AdBlock? C’è anche per chrome. Inoltre i plugin per Chrome pesano molto di meno e un loro eventuale crash non comporta il crash di tutto il programma.

Ma ‘sto Chrome è perfetto?

Come browser forse si, ma il suo vero neo secondo me è la gestione dei download. Non è possibile interromperli e riprenderli successivamente e sulla velocità si ha un impressione di lentezza, per di più non è possibile installare plugin come l’ottimo Download ’em All di Firefox. Per l’uso quotidiano svolge il suo lavoro, ma se avete una connessione lenta e volete scaricare l’immagine di un DVD minimizzatelo un attimo e aprite Firefox.

Perché Chrome e non Chromium?

Chrome è Chromium più il marchio di Google ma mentre Chromium è aperto in Chrome potrebbe esserci anche altro. Diciamo che mi piace di più l’icona colorata :D. Scherzi a parte non mi da fastidio che Google sia ripagata avendo la possibilità di usare qualche statistica in più su di me per l’ottimo browser di cui ci ha fornito, quindi per quanto mi riguarda sono indifferente all’uso dell’uno piuttosto che l’altro.

Ah dimenticavo. Se volete provarlo, potete scaricarlo da qui.

P.S. l’avviso all’inizio dell’articolo è quello della pagina sul ginseng :)

Read More 3 Comments

Sfondi che cambiano automaticamente su Gnome

23 May 2010, in Linux

Proprio oggi stavo pensando che la funzione che permette di impostare un set di immagini come wallpaper che cambia automaticamente su Gnome ((funzione introdotta anche in Windows con Seven Vista)) è praticamente inutilizzata, complice ovviamente il fatto che non esista nessuna utility che metta a disposizione un metodo user-friendly per la creazione di questi set.

E invece in preda ad un’attacco di nonsocosafarebastachenonstudio apro Gnome-look e vedo in primissima posizione con ancora un solo download un bellissimo script python che fa proprio questo.

Per usarlo mettete tutti i file che volete inserire nella vostra serie di immagini in una cartella, avviate lo script, selezionate la cartella ed impostate il tempo di permanenza di ogni immagine e la durata della transizione. Il set creato verrà automagicamente ((cit. Davoli)) impostato come background e potrete da subito ammirarlo sul vostro schermo. Yeah.

Read More Leave a comment

A volte ritornano: Age of Empires II

23 May 2010, in Linux, Windows

Qualche giorno fa un mio collega di facoltà mi ha fatto rivedere questo gioco, inutile dire che ci siamo subito buttati in una LAN brutalmente vinta dal mio avversario. Age of Empires II è un gioco del lontano 1999 ma nonostante ben 11 anni è ancora godibilissimo soprattutto in modalità LAN che probabilmente al suo tempo era poco sfruttata. Grafica 2D semplice e pulita, sistema di gioco ben elaborato che permette di sviluppare tattiche avanzate ma soprattutto ovviamente bassissimi requisiti minimi, che lo rendo adatto anche per quei sistemi con schede grafiche integrate come possono essere netbook o notebook di fascia economica.

La sorpresa è stata la totale compatibilità sui sistemi attuali. AoE parte senza problemi su Windows Seven, Vista, XP mentre su wine fa un pò di capricci. Niente che non si possa risolvere però, tranne un evidente calo di prestazioni.

Installarlo su Wine

Ovviamente installate wine, poi scaricate wine doors e una volta installato avviatelo per avere una lista con diverse applicazioni Windows pronte per essere installate. Selezionate le DirectX e procedete. Fatto ciò, andate nelle configurazioni di Wine e nella tab Grafica selezionate Emula un Desktop Virtuale della dimensione che preferite (ovviamente inferiore a quella del vostro desktop reale!).

Se avete “patch” è questo il momento di applicarle. Se non avete selezionato un percorso differente dovreste trovare la cartella dell’installazione di AoE in ~/.wine/drive_c/Program Files/Microsoft Games/Age of Empires II.

Adesso l’unica cosa da sistemare è la modalità LAN. Per fare ciò seguite la mini-guida che potete trovare qui e che brevemente riporto.

Scaricate l’archivio cliccando nel link qui di seguito:
estraete e posizionate le librerie DLL nella cartella system32 di wine (/home/tuonome/.wine/drive_c/windows/system32).
Aprite la configurazione di Wine.
Nel tab “libraries” e aggiungete le seguenti librerie:
  • dplayx
  • dpnet
  • dpnhpast
  • dpwsockx
impostandole come (native, builtin).
Non vi rimane che avviare il gioco e cominciare a mettere in fiamme i castelli nemici :P
Read More Leave a comment

Diamo un occhiata sotto il cofano!

22 May 2010, in Linux

Dopo tanto tempo mi sono ricimentato nella ricompilazione del Kernel. L’ultima volta avevo rinunciato allo scoccare del 120° minuto di compilazione, dopo aver speso altrettanto tempo a selezionare opzioni a caso nel menu di gconfig. Forte del 30 rimediato in sistemi operativi ho cercato una guida e stavo cominciando a smanettare quando mi sono accorto che praticamente sapevo nulla e niente del mio laptop.

Spesso si ha bisogno di sapere qualcosa in più sul sistema che abbiamo sotto le mani. Caratteristiche tecniche del processore, quanta RAM è montata e che frequenza ha, che scheda wifi o video è installata, l’UUID di una partizione, ecc…

In questi casi linux ci mette a disposizione il comando lshw (che va dato da root per ottenere maggiori informazioni), l’unico problema è capire quello che restituisce :p
Se il monospace del terminale ci da alla testa possiamo ridirezionare l’output verso un file di testo in questo modo:

sudo lshw >> ~/Scrivania/hardware.txt

(continua a leggere…)

Read More Leave a comment